La piccola Kordelia va in classe!

8 Giu 21 | In evidenza | 0 commenti

È difficile immaginare la gioia che ho provato a tornare in classe. Per una volta, non nella veste di insegnante ma in quella di scrittrice, ho risposto alle domande dei ragazzi, anche le più strane. Stupita, li ho visti protendere i loro fogli sulla cattedra per avere un autografo. Come se fossi una star.

Ho spiegato cos’è la scuola in ospedale, dicendo che lavoriamo con i bambini malati, che andiamo nelle stanze a portare un sorriso. Il ricavato delle vendite del Viggio di Kordelia andrà proprio a loro, per comprare libri, giochi, album e colori. Porterà un po’ di allegria nelle camere dove regna la sofferenza.

I ragazzi mi hanno fatto domande sulla storia di Kordelia. Alcuni avevano già letto il libro, e gli interrogativi non mancavano. Altri volevano che io leggessi il primo capitolo. C’era chi mi chiedeva come avevo ideato quella storia e un giovane dal ciuffo ribelle mi ha intervistata sul significato dei miei tatuaggi.

Sono entrata in classe ed ero felice. Senza voce, ma felice. Ho tutta l’intenzione di continuare, se il covid me lo permetterà. Grazie, pikkola Kordelia!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 − 1 =

Ti potrebbero interessare
Dicono di noi… Una rosa tra i capelli

Dicono di noi… Una rosa tra i capelli

"Ho appena finito di leggere “Una rosa tra i capelli” sono arrivata alla fine con molta emozione e commozione. L’ho letto tutto d’un fiato! Già la lettura di “La tasca sul cuore” mi aveva avvinta e coinvolta nelle vicende dei nostri avi...

leggi tutto